Vita minima #24: Alessandro W.

Poi una mattina – una mattina di marzo piovosa, con il rumore della pioggia che batteva sulla tapparella ancora abbassata – dopo essersi svegliato e aver acceso l’abat-jour, infilandosi i calzini (perchè è cosi che succede con le illuminazioni, l’aveva letto da qualche parte), spostò la mano sul lato freddo e vuoto del letto e si rese conto di quanto lei gli sarebbe mancata. Non perchè lui l’amasse – non l’amava adesso e forse, se era successo, era successo molti anni prima – questo no: ma perchè mai – ebbe in quel momento la percezione esatta e precisa – avrebbe trovato qualcuna in grado di amare lui così tanto. (Per un attimo si vide proiettato nel futuro, accompagnato da donne senza volto: felice, ma con la sensazione che mancasse, in quell’immagine mentale, ancora qualcosa ).

Pensò questo. Poi si alzò, e il legno del parquet scricchiolò piano sotto i suoi piedi.

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://viteminime.wordpress.com/2011/03/17/vita-minima-24-alessandro-w/trackback/

RSS feed for comments on this post.

5 commentiLascia un commento

  1. Ho avuto qualche difficoltà nella lettura. Hai usato dei periodi lunghissimi eheh 🙂

    • Dài, per quindici righe lo sforzo si può fare. 🙂

  2. Un pezzo magnifico. Mi ha dato l’esatta percezione delle cose. E del loro scricchiolare.
    http://www.vongolemerluzzi.wordpress.com

    • Grazie mille. 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: