Vita minima #8: Ermanno S.

Alla fine, è stato l’unico a realizzare i suoi sogni di bambino.
Quando alla domanda “Cosa vuoi fare da grande?” i suoi compagni di classe delle elementari rispondevano – a seconda dei giorni e dell’umore e del momento – il calciatore, l’astronauta, il pilota di formula uno, l’archeologo come Indiana Jones, la sua risposta è sempre stata una e una sola: il ruspista.
Il quarto d’ora d’intervallo lo passava a correre in giardino (d’estate ) o lungo i corridoi (d’inverno), con le braccia piegate a formare una pala caricata di pesi immaginari, le labbra protese e sputacchianti a simulare un motore su di giri.
Era uno dei pochi, a scuola, a non avere un soprannome che fosse una storpiatura o una contrazione del cognome.
Oh, ruspista, lo chiamavano.
Ermanno, accendi la ruspa e vieni qua, gli dicevano.
Ora il ruspista lo fa davvero, per lavoro. Ha la pancia e – spesso – mal di schiena. Però sembra felice. La settimana prossima si sposa.

Annunci
Published in: on 15 febbraio 2011 at 18:47  Comments (1)  
Tags: , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://viteminime.wordpress.com/2011/02/15/vita-minima-8-ermanno-s/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Umiltà? Realismo?
    Boh, la chiamerei vita.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: